Vacanza Rovinata
MENU

British Airways – Rimborso e Risarcimento Volo Cancellato o in Ritardo

Rimborso British Airways

Problemi con volo British Airways? Secondo quanto previsto dalla normativa nazionale e comunitaria dettata a tutela del passeggero, in caso di volo cancellato così come per ritardo aereo, perdita coincidenza o negato imbarco, sorge il diritto su richiesta ad ottenere dalla British Airways il rimborso biglietto, una compensazione pecuniaria (da € 250 fino ad € 600) ed il risarcimento danni subiti.

Non di rado la British Airways tuttavia si rifiuta di corrispondere il rimborso e risarcimento dovuto ai passeggeri richiamando circostanze eccezionali quali ad esempio un guasto tecnico o condizioni meteo In virtù della consolidata esperienza maturata sul campo da VACANZAROVINATA.IT vi possiamo assicurare che nella stragrande maggioranza dei casi, quella della “circostanza eccezionale”, non è altro che un subdolo escamotage al quale ricorrono le compagnie aeree per negare ai passeggeri un adeguato rimborso e risarcimento per i disagi subiti o, comunque, per disincentivare i viaggiatori dall’intentare azioni risarcitorie.

VACANZAROVINATA.IT valutata la sussistenza dei presupposti ti aiuterà quindi a superare tutti gli ostacoli frapposti dalla British Airways fino a farti ottenere un adeguato rimborso ed il giusto risarcimento senza dover corrispondere alcuna spesa.


Come ottenere il rimborso ed il risarcimento di un volo British Airways cancellato o in ritardo?

Dura condanna inflitta alla compagnia aerea British Airways

In caso di negato imbarco sul volo dovuto al ritardo accumulato dal volo sulla tratta precedente spetta al passeggero la compensazione pecuniaria. Su tale principio, in una recente sentenza ottenuta dai legali di VACANZAROVINATA.IT in favore di un nostro assistito, la compagnia aerea British Airways è stata condannata a corrispondere al nostro assistito la somma complessiva di € 847,66 dovuta a titolo di compensazione pecuniaria, a titolo di rimborso delle spese sostenute per pasti e bevande nel periodo di attesa in aeroporto, nonché a titolo di rimborso del maggior costo richiesto dalla compagnia aerea.

Svolgimento del processo

Con atto di citazione, debitamente notificato, M. S. conveniva innanzi a questa Giustizia la società in epigrafe esponendo di avere acquistato tramite il sito web della British Airways il volo Roma/Londra/San Francisco con partenza il giorno 11.11.2010 h. 4,50, arrivo a Londra alle ore h. 9,35 e ripartenza per San Francisco alle h. 10,50 ed arrivo e destinazione alle h. 13,40.

Ciò precisato lamentava che il volo Roma/Londra era atterrato all’aeroporto Heatrow solo alle ore 10,24 con la conseguenza perdita della coincidenza con il volo Londra/San Francisco per cui venne riprotetto sul volo delle h. 14,30 giungendo a destinazione alle ore 18,25 con 5 ore di ritardo sull’orario originariamente previsto. Lamentava altresì di avere pagato l’ulteriore importo pari ad  € 215,00 quale supplemento, nonché € 32,66 per pasti e bevande.

Tanto premesso chiedeva la condanna delle convenute società al pagamento della compensazione pecuniaria pari ad € 600,00 nonché al rimborso del supplemento e delle spese per pasti e bevande.

Instauratosi il contraddittorio, si costituiva la British Airways la quale preliminarmente eccepiva la carenza di giurisdizione nonché l’incompetenza territoriale dell’adita giustizia. Nel merito si opponeva alla domanda chiedendone il rigetto giustificando con le avverse condizioni atmosferiche il ritardo nella tratta Roma/Londra.

Ritenuta la causa di pronta ed immediata decisione, la stessa, precisate le conclusioni, è stata riservata a sentenza.

Preliminarmente va disattesa l’eccezione di carenza di giurisdizione del giudice italiano. Infatti, ai sensi dell’art. 3 legge 31.5.1995 la giurisdizione del giudice italiano sussiste quando il convenuto, come nel caso di specie, è domiciliato o residente in Italia o vi ha un rappresentante che sia autorizzato a stare in giudizio a norma dell’art. 77 c.p.c.

Dal pari infondata deve ritenersi l’eccezione di incompetenza territoriale del giudice adito atteso che nel caso di specie va applicato il foro del luogo di residenza o domicilio del consumatore.

Nel merito la domanda è fondata.

Ed, invero, non vi è contestazione sul dedotto ritardo del volo Roma/Londra.

La British Airways giustifica tale ritardo adducendo un forte vento in quota intorno all’area dell’aeroporto di Londra, ma di tanto non fornisce adeguata prova.

Ed, invero, come dalla medesima ammesso, il vento portò alla cancellazione di numerosi voli solo a partire dalle h. 14,00 orario ben lontano dall’orario delle h. 9,35 di atterraggio del volo Roma/Londra.

Pertanto il ritardo con il quale l’istante è giunto a S. Francisco costituisce un inadempimento contrattuale per il quale è prevista dall’art. 7 del Regolamento CE 261/2004 la compensazione pecuniaria pari ad € 600,00 per la ritardata partenza.

Non vi è dubbio poi che al passeggero competa il rimborso del supplemento versato pari ad € 215,00 nonché € 32,66 per pasti e bevande. In uno, quindi, € 847,66 oltre interessi dalla domanda ala saldo.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispovo.

P.Q.M.

Il Giudice di Pace, definitivamente pronunciando sulla domanda di cui in narrativa, così provvede:

accoglie la domanda e, per l’effetto, condanna la British Airways PLC in persona del legale rapp.te p.t. al pagamento, in favore di M.S., della somma di € 847,66 oltre interessi legali dalla domanda al soddisfo, nonché alla refusione delle spese di causa con attribuzione.


Richiesta di Risarcimento e Rimborso

Ti hanno rovinato la vacanza?

Problemi con il volo?

Hanno smarrito i tuoi bagagli?

Fai valere i tuoi diritti!

Otterrai il dovuto risarcimento senza alcuna spesa anticipata

Clicca qui e scopri come »

Seguici sui Social Network per rimanere aggiornato sulle nostre iniziative a tutela dei viaggiatori
Google+
Zaniah srl - Consulenza Web