Rimborso e risarcimento da Brussels Airlines gratis con Vacanza Rovinata

  • GG slash MM slash AAAA
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Quando hai prenotato il tuo viaggio aereo, certo non avresti mai immaginato di ritrovarti qui: su una pagina che ti spiega come ottenere il rimborso da Brussels Airlines, la compagnia cui ti sei rivolto per effettuare la prenotazione.

Se sei arrivato sin qui, tuttavia, evidentemente qualcosa non è andata secondo i piani e quello che doveva essere un normale e tranquillo volo aereo è stato irrimediabilmente guastato da un accadimento che non avevi previsto.

Magari l’areo è arrivato in ritardo quindi vuoi richiedere un rimborso per un ritardo aereo, oppure non è nemmeno partito. Magari invece l’areo è decollato come da programma, ma ti hanno impedito di salirci all’ultimo momento. Qualunque sia il problema che si è verificato, anche se non dovesse riguardare il volo in sé ma il bagaglio che trasportavi (la compagnia potrebbe avertelo smarrito o danneggiato), hai pienamente diritto a chiedere il rimborso a Brussels Airlines.

Come comprenderai tu stesso, tuttavia, questo non è certo il periodo migliore per inoltrare domande di rimborso. La pandemia causata dal Covid-19 ha infatti condizionato pesantemente l’operato di tutte le compagnie aeree, Brussels Airlines inclusa. Ciò significa, in parole povere, che ottenere il tuo agognato risarcimento potrebbe rivelarsi molto più difficile del previsto. Ma sta’ tranquillo: noi di Vacanza Rovinata siamo qui proprio per spiegarti come agire e, per prima cosa, vogliamo farti conoscere più nel dettaglio la compagnia cui ti sei rivolto per prenotare il tuo viaggio.

Chi è Brussels Airlines?

Brussels Airlines è la compagnia aerea di bandiera del Belgio, uno status speciale che le permette di godere di privilegi particolari da parte dello Stato. La sua sede principale è situata presso l’aeroporto di Bruxelles – National, vero e proprio punto nevralgico in cui si concentra il maggior numero degli scali. La compagnia gestisce voli di linea che coprono oltre 90 destinazioni, suddivise tra Europa, Nord America e Africa.

La sua nascita, relativamente recente, trae origine da una fusione tra SN Brussels Airlines e Virgin Express, avvenuta il 7 novembre 2006.  Il primo volo della neonata compagnia belga avviene invece l’anno successivo, per la precisione il 25 marzo 2007.

Il 15 settembre 2008 viene annunciata la decisione, da parte della compagnia tedesca Lufthansa, di acquistare una partecipazione del 45% in Brussels Airlines, riservandosi l’opzione di comprare anche il restante 55% nel 2011. In cambio, la società belga sarebbe entrata a far parte di Star Alliance, la più grande e prestigiosa alleanza mondiale di compagnie aeree.

Il 2009 è l’anno che vede quest’accordo diventare realtà: il 25 ottobre Brussels Airlines diviene membro di “Miles & More”, il programma Frequent Flyer di Lufthansa, mentre il 9 dicembre entra ufficialmente a far parte di Star Alliance, in qualità di ventiseiesimo membro. Gli anni successivi vedono la compagnia belga ottenere altri importanti successi, uno su tutti l’inaugurazione della rotta per l’Aeroporto JFK di New York, caratterizzata da voli a cadenza quotidiana. Stando ai dati di luglio 2019, Brussels Airlines conta 54 aeromobili in servizio, tutti facenti parte della tipologia Airbus.

Oltre alla già citata sede belga, esiste anche una sede di Brussels Airlines a Milano, che rappresenta l’unico avamposto italiano della compagnia. Ciò costituisce indubbiamente un bene in quanto, nel caso in cui decidessi di rivolgerti direttamente agli addetti della compagnia per inoltrare la tua domanda di rimborso, ti ritroveresti ad avere a che fare con personale che parla la lingua italiana. Prima di farlo, tuttavia, è necessario che tu sappia con precisione quali sono i tuoi diritti in qualità di passeggero, evitando così di commettere errori grossolani dettati dall’ignoranza.

Quali sono i tuoi diritti in caso di mancato servizio da parte di Brussels Airlines

rimborso Brussels Airlines

I diritti dei passeggeri dei voli aerei sono espressamente tutelati dal Regolamento Europeo 261/2004 e, nello specificano, si applicano a tutti i viaggiatori che:

  • partono da uno stato facente parte dell’Unione Europea o viaggiano in direzione di uno Stato europeo, dopo essere partiti da uno Stato estero servendosi di una compagnia europea e senza aver ricevuto alcuna forma di assistenza, contropartita o compensazione da parte dello Stato di partenza;
  • sono in possesso di una prenotazione di volo confermata;
  • si sono presentati all’accettazione secondo le indicazioni e gli orari forniti o almeno 45 minuti prima della partenza;
  • sono in possesso di un biglietto con tariffa disponibile al pubblico (quindi non devono aver viaggiato a titolo gratuito o con biglietti riservati a specifiche categorie di persone).

Se rispecchi tutti questi punti, pertanto, sei automaticamente tutelato dalle leggi europee.

Ciò significa che, se Brussels Airlines non ti ha reso il servizio promesso, sei pienamente legittimato a fare ricorso, godendo di specifici diritti che variano a seconda del tipo di disagio che la compagnia ti ha procurato.

Ritardo aereo

Nel caso in cui la tua intenzione sia quella di chiedere un rimborso per ritardo aereo, è bene che tu sappia innanzitutto cosa s’intende esattamente con quest’espressione. Questo perché, se è vero che un aereo che decolla 30 minuti dopo l’orario stabilito è oggettivamente in ritardo, si tratta purtroppo di una tempistica troppo esigua per avanzare dei diritti, nonostante possa comunque arrecarti dei disagi.

La legge è infatti molto precisa sotto questo aspetto e, più nello specifico, considera “ritardi aerei” le seguenti tempistiche:

  • 4 ore per le tratte superiori a 3500 Km;
  • 3 ore per le tratte comprese tra i 1500 e i 3500 Km e per i voli intraeuropei di oltre 1500 Km;
  • 2 ore per le tratte inferiori ai 1500 Km.

Se il ritardo subito dal tuo volo rientra pertanto in questi parametri, hai pienamente diritto a inoltrare la tua domanda di risarcimento. Con questa parola ci riferiamo a una compensazione pecuniaria calcolata sulla base della tratta, che può variare da un minimo di 250 a un massimo di 600 euro. Si tratta pertanto di un indennizzo che ti viene concesso a titolo di compensazione dei disagi che la compagnia aerea ti ha costretto a subire.

Tali disagi, tuttavia, non ti danno diritto ad alcun risarcimento nel caso in cui la loro causa scatenante sia da attribuire alle cosiddette “circostanze eccezionali”, ossia accadimenti che non si sarebbe potuto evitare in alcun modo e dei quali la compagnia non è responsabile. Rientrano in questa categoria: maltempo e vento forte, instabilità politica, allarmi sanitari, scioperi del persone e, in generale, qualsiasi avvenimento che renda nulla la sicurezza del volo.

Per quanto riguarda invece il rimborso, vale a dire la restituzione dell’intera somma che hai speso per acquistare il biglietto, ti viene concesso solo a patto che tu decida di rinunciare del tutto al tuo viaggio: un’opzione cui hai diritto se il ritardo dovesse rivelarsi davvero massiccio, superando le 5 ore.

Tra i diritti di cui godi in qualità di passeggero, tuttavia, figura anche l’assistenza da parte del personale di terra, che ha il dovere di rendere la tua attesa il più sopportabile possibile. Ciò ti rende quindi legittimato a usufruire dei seguenti servizi gratuiti:

  • pasti e bevande per l’intera durata dell’attesa in aeroporto;
  • un’adeguata sistemazione in albergo, con trasporto da e per l’aeroporto, nel caso in cui il ritardo dovesse protrarsi fino al giorno successivo;
  • la possibilità di effettuare due telefonate o inviare messaggi tramite fax, telex e mail.

Quanto abbiamo detto finora, pertanto, vale per tutti i casi elencati di ritardo aereo. Ma cosa succede se, al momento del check in, ti viene impedito d’imbarcarti?

Overbooking

Se al momento dell’imbarco ti viene impedito di salire fisicamente sull’aereo, potresti essere vittima di un caso di overbooking, una situazione alquanto seccante che si verifica nel momento in cui la compagnia aerea vende un numero di biglietti superiore ai posti effettivamente disponibili. Se il tuo problema dovesse essere questo, pertanto, hai diritto a essere imbarcato sul primo volo alternativo disponibile che la compagnia aerea riesce a trovarti o, in alternativa, a prenotare secondo le tue indicazioni. In entrambi i casi, ovviamente, a titolo gratuito.

Oltre a questo, godi anche degli stessi diritti che ti abbiamo già illustrato, vale a dire sia l’assistenza gratuita da parte del personale di terra per tutto il tempo dell’attesa, sia il risarcimento calcolato sulla base della tratta, che può variare da un minimo di 250 a un massimo di 600 euro. In quest’ultimo caso, tuttavia, esso può essere ridotto del 50% nel caso in cui il volo alternativo giunga a destinazione in un orario simile a quello del volo originario. Più nello specifico, tenendo come punto di riferimento l’orario di atterraggio iniziale, il rimborso viene dimezzato nei seguenti casi:

  • arrivo meno di 2 ore dopo l’orario preventivato per le tratte inferiori ai 1500 Km;
  • arrivo meno di 3 ore dopo l’orario preventivato per le tratte comprese tra i 1500 e i 3500 Km;
  • arrivo meno di 4 ore dopo l’orario preventivato per le tratte superiori ai 3500 Km.

Per quanto riguarda invece la possibilità di vederti rimborsare il biglietto, anche in questo caso vale sempre la stessa regola: per ottenere il completo rimborso non devi imbarcarti su alcun volo sostitutivo, rinunciando del tutto al tuo viaggio.

Volo cancellato

Se il tuo volo viene cancellato all’improvviso, la compagnia aerea è tenuta a sistemarti sul primo volo alternativo disponibile, esattamente come nel precedente caso di overbooking. Le regole che si applicano sono pertanto le stesse e tu sei legittimato a pretendere il consueto risarcimento calcolato sulla base della tratta o a rinunciare del tutto al viaggio in cambio del completo rimborso del biglietto.

Fai attenzione, però! Come avrai certamente notato, noi abbiamo parlato di “volo cancellato all’improvviso”. Se dovessi essere stato preventivamente avvisato della cancellazione, infatti, non avresti più diritto al risarcimento. Più nello specifico, la compagnia viene sollevata dall’obbligo di risarcirti se:

  • ti ha avvisato della cancellazione del volo con almeno 14 giorni d’anticipo;
  • ti ha avvisato della cancellazione con un anticipo compreso tra i 14 e i 7 giorni prima, proponendoti un volo sostitutivo in partenza non più di 2 ore prima rispetto al volo originario e con un arrivo di massimo 4 ore dopo rispetto all’orario preventivato;
  • ti ha avvisato della cancellazione con un anticipo inferiore ai 7 giorni, offrendoti un volo alternativo con partenza massimo 1 ora prima rispetto a quella originaria e un arrivo fissato a massimo 2 ore dopo rispetto a quello preventivato.

Oltre a queste condizioni, devi inoltre prestare attenzione anche alle cause che hanno portato alla cancellazione del tuo volo: se, infatti, fossero attribuibili alle già citate “circostanze straordinarie”, non avresti più diritto a essere risarcito.

Sistemazione in una classe inferiore

Se decidi d’imbarcarti sul volo sostitutivo, potrebbe capitarti di venire sistemato in una classe inferiore rispetto a quella che avevi originariamente prenotato. In questo caso hai diritto per legge a chiedere un rimborso parziale del biglietto, calcolato sulla base della tratta percorsa:

  • tratte pari o inferiori ai 1500 Km = rimborso del 30%;
  • tratte comprese tra i 1500 e i 3500 Km = rimborso del 50%;
  • tratte superiori ai 3500 Km = rimborso del 75%.

Come puoi vedere tu stesso, pertanto, le nozioni che devi capire e ricordare sono davvero moltissime, motivo per cui è perfettamente naturale che tu ti senta stordito. Per venirti incontro, ti proponiamo un breve schemino riassuntivo, in maniera tale da aiutarti a fissare i punti fondamentali del discorso.

Quando è possibile ottenere il rimborso da Brussels Airlines?

Riassumendo, hai diritto a ottenere il rimborso e/o il risarcimento da Brussels Airlines nel caso in cui dovessi essere vittima di una delle seguenti situazioni:

  • volo cancellato all’improvviso e senza alcun preavviso;
  • volo in ritardo di almeno 3 ore;
  • overbooking;
  • ritardo, danneggiamento e smarrimento del bagaglio.

Ti ricordiamo inoltre che, per poter avere diritto tanto al rimborso quanto al risarcimento, devi evitare nella maniera più assoluta di accettare l’offerta di un qualsiasi voucher da Brussels Airlines. Facendolo, infatti, perderesti definitivamente la possibilità di ottenere ciò che ti spetta per legge.

Chiarito questo, cerchiamo ora di rispondere alla domanda che ti sta più a cuore: quanto ti spetta di rimborso/risarcimento.

Quanto ti spetta di rimborso?

rimborso Brussels Airlines

Come dovresti ormai aver capito, rimborso e risarcimento sono due termini dal significato differente, che si riferiscono a situazioni diverse e, soprattutto, corrispondono a importi differenti.

Se, infatti, il rimborso (totale o parziale) coincide con la cifra che hai speso per il biglietto ed è quindi estremamente variabile, il risarcimento rientra invece in una fascia fissa compresa tra i 250 e i 600 euro. Se vuoi calcolare il suo esatto ammontare, pertanto, devi tenere a mente questo schema, che si riferisce alla tratta percorsa:

  • 250 euro in caso di tratte inferiori o pari a 1500 km;
  • 400 euro se la tratta è compresa tra i 1500 e i 3500 Km;
  • 600 euro per tutte le tratte superiori ai 3500 km.

Si tratta di uno schemino che dovresti imparare a memoria, in quanto valido per tutti i casi in cui hai diritto al risarcimento. Una volta compreso questo, pertanto, è tempo che tu sappia cosa devi fare per richiederlo alla compagnia.

Come puoi richiedere il rimborso in caso di volo cancellato

La modalità di richiesta del rimborso è di fatto sempre la stessa per qualsiasi problema  ti sia capitato. In caso di volo cancellato, per esempio, devi dimostrare che tu sia effettivamente un passeggero di quel volo e puoi farlo conservando sia il biglietto della prenotazione che la carta d’imbarco. In aggiunta, dovresti anche tenere tutti gli scontrini e le fatture che testimoniano le eventuali spese extra sostenute a causa del disagio subito e che la compagnia è dunque tenuta a rimborsarti insieme al biglietto.

Una volta munito di tutte queste prove concrete, ti si aprono due strade: la prima è quella di rivolgerti direttamente a Brussels Airlines, contattando la compagnia mediante la pagina dedicata ai reclami o provando a chiamare direttamente la sede di Milano. La seconda, invece, è quella di affidare l’intera pratica a noi di Vacanza Rovinata, lasciando che a occuparsene siano i nostri legali professionisti, esperti sia dei disagi relativi ai voli aerei, sia di tutti i problemi di cui può essere vittima il tuo bagaglio.

… E se ti dovessero smarrire il bagaglio?

Se, una volta arrivato a destinazione, non riuscissi più a trovare il tuo bagaglio, devi recarti immediatamente all’Ufficio Lost and Found dell’aeroporto. Quella è infatti la sede dove vengono recuperati gli oggetti smarriti e dove un addetto ti farà compilare un modulo chiamato PIR (Property Irregularity Report), nel quale dovrai indicare tutti i tuoi dati personali e quelli relativi al bagaglio che hai perso (la sua descrizione e l’indirizzo a cui dovranno consegnartelo una volta ritrovato).

La restituzione della valigia avviene solitamente nel giro di 24 – 48 ore, ma ciò non ti esime dal diritto di chiedere un risarcimento per il disagio subito. Anche in questo caso, tuttavia, onde evitare che la compagnia possa accampare delle scuse (cercando per esempio di trasformare lo smarrimento del tuo bagaglio in un banale ritardo nella sua consegna), il consiglio è quello di non agire mai da solo, ma rivolgerti a noi di Vacanza Rovinata.

Ottieni il tuo rimborso velocemente con Vacanza Rovinata

Quando devi inoltrare una richiesta di rimborso/risarcimento, il tempismo è assolutamente fondamentale. Più tempo lascerai passare, infatti, minori saranno le possibilità che il rimborso ti arrivi in tempi brevi. Se, a tutto questo, aggiungi poi la naturale ed esasperante lentezza della burocrazia, le difficoltà causate dalla pandemia (magari la tua è proprio una richiesta di rimborso a Brussels Airlines causa Covid) e la tua legittima inesperienza in materia di diritto dei viaggi aerei, capisci anche tu che rischierai di trovarti impelagato in una vera e propria guerra ad armi impari.

E se ti dicessimo che noi siamo in grado di evitarti tutto questo, facendoci carico della tua pratica in maniera assolutamente gratuita? Nel nostro lavoro ci serviamo infatti dei migliori legali, che non aspettano altro che mettersi al tuo servizio senza chiederti nulla in cambio: a pagare la loro parcella, infatti, sarà la compagnia aerea stessa.

Dunque che cosa aspetti a contattarci? Non devi fare altro che compilare il modulo che trovi in fondo a questa pagina e riceverai a stretto giro la risposta dei nostri professionisti. Quindi non tentennare oltre e affidati con sicurezza a Vacanza Rovinata: ti assicuriamo che non te ne pentirai!

Articoli correlati

Air Europa: come ottenere rimborso e risarcimento

Air Europa: come ottenere rimborso e risarcimento

Air Europa è una compagnia aerea spagnola con sede alle Isole Baleari. Come terza compagnia spagnola, Air Europa copre la maggior parte del territori...
Continua a leggere
Voli cancellati per eruzione dell’Etna

Voli cancellati per eruzione dell’Etna

L'emissione di cenere generatasi da una nuova eruzione dell'Etna ha creato gravi disagi passeggeri in partenza da e per l'Aeroporto Fontanarossa di Ca...
Continua a leggere
Rimborso volo cancellato per sciopero

Rimborso volo cancellato per sciopero

Informazioni utili per rimborso e risarcimento del ritardo aereo o del volo cancellato causa sciopero. Contattaci per ottenere il dovuto risarcimento...
Continua a leggere
Ti hanno rovinato il viaggio o la vacanza?