Vassoi portaoggetti in aeroporto: covi di virus e batteri

Fai valere i tuoi diritti!

Se hai avuto problemi con un volo aereo rivolgiti a noi ed ottieni il risarcimento danni che ti spetta senza sostenere alcuna spesa.

Vassoi portaoggetti sporchi

I continui allarmi terrorismo hanno cambiato del tutto la vita e le procedure aeroportuali. Ormai sai bene che prima di entrare nella zona di imbarco devi toglierti quasi tutto quel che hai addosso (incluse scarpe e calzini!) e metterlo in un cesto, o vassoio, che verrà controllato poco prima di te al metal detector.

I tuoi effetti personali ti verranno restituiti una volta assicurati i controlli. Ma hai mai pensato per un istante a quanti oggetti, quanti calzini e quante scarpe sono passati in quei contenitori prima dei tuoi? E quante mani non pulitissime li hanno toccati? Vengono i brividi se ci si fa caso!

Vassoi portaoggetti in aeroporto

Vassoi portaoggetti oggetto di una ricerca

L’università inglese di Nottingham non solo ci ha pensato ma ha deciso di condurre uno studio approfondito in tandem con un gruppo di ricercatori finlandesi.

La ricerca sui vassoi portaoggetti degli aeroporti è stata infine pubblicata sul “Biomed Central Infectuous Disesases Journal” con risultati quantomeno sconcertanti!

Non a caso buona parte della ricerca è stata condotta durante il periodo influenzale ma anche in altri periodi più “tranquilli” eppure quel che gli studiosi hanno trovato è allarmante.

I portaoggetti sporchi come i bagni

A causa della rapidità con cui si passano i controlli, a causa dell’impazienza per i ritardi sui tempi di viaggio non ci facciamo troppi scrupoli a toccare e ritoccare questi vassoi e gli oggetti che abbiamo messo dentro e che riprendiamo dopo il metal detector.

Ed è questo il motivo per cui questi contenitori sono più sporchi degli stessi bagni dell’aeroporto, anzi, più sporchi ancora di un bagno qualsiasi di un autogrill.

A occhio nudo non si vedono, ma germi, batteri e anche virus coprono quelle superfici quasi totalmente.

Cosa rischiamo?

Nel periodo influenzale questi micro organismi dannosi sono a miliardi, ma anche in altre stagioni la loro quantità rimane sopra la media consentita per la salute pubblica.

Solo ripescando i tuoi oggetti dal vassoio rischi di contrarre l’influenza, infezioni respiratorie, polmonite, infezioni alla pelle, alla bocca, malattie intestinali e dell’apparato urinario e perfino malattie gravi e mortali!

Nella fretta dell’imbarco, rischi di andare a comprare la cena, di accarezzare tuo figlio, di strofinarti un occhio dopo aver immerso la mano in quel mare di germi con le conseguenze che puoi ben immaginare.

Come difendersi?

Dovrebbe essere una sana abitudine quella di sterilizzare, o anche soltanto spolverare, cestini e vassoi portaoggetti prima di passarli al viaggiatore successivo.

Una pratica, questa, che quasi nessun aeroporto attua, meno che mai quelli più grandi e affollati. Devi essere tu, allora, a proteggere te stesso e i tuoi cari, cercando di toccare i tuoi oggetti o i cestini stessi con un fazzolettino o una salvietta.

Oppure, in assenza di tempo per farlo, ricorda almeno di lavarti subito le mani o di spalmarle con lozioni igienizzanti o strofinarle con salviettine usa e getta prima di fare qualsiasi altra mossa.

Sì, magari questo ti toglierà secondi preziosi prima di salire sull’aereo ma avrai salvato la tua vacanza da dolori e medicinali. Ne vale la pena, no?