Brussels Airlines sull’orlo del fallimento: ipotesi nazionalizzazione

A causa della già precaria situazione finanziaria, certamente acuita dalla emergenza Coronavirus, la Brussels Airlines, in una nota, non nega la situazione critica in cui versa, ma esclude il fallimento.

Brussels Airlines, compagnia del gruppo Lufthansa, da marzo ha messo a terra tutti i suoi aerei ed, anche per tale ragione, ha urgentemente bisogno di liquidità, si parla di 200 milioni di euro.

Il gruppo Lufthansa, del quale Brussels Airlines fa parte, probabilmente non potrà correre in aiuto della compagnia aerea belga in quanto impegnata appieno nel cercare di salvaguardare gli interessi della sua compagnia aerea più grande, ovvero di Lufthansa.

Pertanto, seppure il governo belga per ora non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali, attendibili voci di corridoio non escludono la possibilità di nazionalizzazione della Brussells Airlines così come previsto dal Decreto Cura Italia per la nostra compagnia di bandiera Alitalia.

Che si tratterà di nazionalizzazione della Brussles Airlines o di un diverso aiuto statale, che dovrebbe ammontare almeno a 290 milioni di euro, in ogni caso dovrà essere valutato lo stato reale del vettore al fine di comprendere se l’intervento statale potrà garantire alla compagnia di continuare ad operare.