Voucher biglietto aereo: accettarlo o meglio il rimborso monetario?

In questa guida spiegheremo cosa è il voucher che le compagnie offrono a copertura del biglietto aereo non utilizzato o in sostituzione di un risarcimento dovuto al passeggero. Meglio preferire il rimborso monetario?

Forniremo quindi risposta alle domande più frequenti che ci vengono solitamente poste dai nostri clienti riguardo al voucher aereo, nonché a tutte le difficoltà e problematiche che generalmente sorgono dalla richiesta sino all’utilizzo dello stesso.

Cosà è il voucher aereo e quando viene corrisposto dalle compagnie aeree?

Il voucher aereo o il buono di viaggio è un documento che attesta il diritto del passeggero a poter utilizzare l’importo del credito ivi indicato per l’acquisto di nuovi biglietti o servizi aerei.

Ad ogni passeggero può capitare di incappare in qualcuno di quei disagi aerei, quale ad esempio: la cancellazione di un volo, un ritardo aereo, il negato imbarco per overbooking o ancora lo smarrimento del bagaglio. Ebbene in questi casi, la normativa dettata a tutela del passeggero, impone dei precisi obblighi risarcitori e di rimborso in capo alle compagnie aeree le quali quindi, per garantire al passeggero un ristoro per i disagi subiti, potrebbero, anziché corrispondere il dovuto in soldi con bonifico bancario, proporgli appunto un voucher da utilizzare per l’acquisto di nuovi biglietti aerei per futuri voli.

In tali casi il voucher prende anche il nome di EMD ovvero Electronic Miscellaneous Document, un voucher elettronico che le compagnie aeree, una volta raggiunto l’accordo con il passeggero, solitamente inviano per e.mail e i coupon corrispondenti al valore del servizio sono archiviati in un registro elettronico nel sistema della compagnia aerea.

voucher ryanair rimborso

Altra diversa tipologia di buono è invece il “voucher regalo” o gift card che le compagnie aeree, a fronte di un corrispettivo richiesto, mettono in vendita al fine di poter offrire ai propri clienti la possibilità di regalare un volo lasciando piena libertà di utilizzo a chi lo ricevere. La possibilità di acquistare un voucher regalo è offerto da quasi tutte le compagnie aeree; ecco qualche esempio:

  • Ryanair offre la possibilità di acquisto di un voucher regalo riscattabile, dell’importo a partire da 25 fino a 200 euro, su tutte le tratte per voli Ryanair e per più di 200 destinazioni;
  • Alitalia propone in vendita gift card dell’importo a scelta di 50€, 100€ o 200€, ognuna utilizzabile per più voli fino ad esaurimento del credito.

Come è possibile utilizzare un voucher?

Tanto nel caso di voucher offerto dalle compagnie aeree in sostituzione del rimborso monetario, quanto nel caso di voucher regalo, l’utilizzo solitamente è alquanto semplice poiché il beneficiario dovrà, al momento della prenotazione del volo per il quale intende utilizzare il proprio credito, inserire nell’apposito campo presente nel form di prenotazione i riferimenti del proprio voucher.

Fate attenzione! Occorre tuttavia sapere che:

  • le agenzie intermediarie on line, quali ad esempio eDreams o Gotogate, non accettano i buoni di viaggio in quanto si tratta di codici di sconto legati al sito di prenotazione di una compagnia aerea;
  • non tutte le compagnie aeree consentono l’utilizzo del voucher nelle prenotazioni on line; in tali casi sarà necessario effettuare la prenotazione telefonicamente tramite il call center della compagnia aerea.

In tutti i casi, la compagnia aerea sottrarrà dal prezzo dovuto dal passeggero per l’acquisto del biglietto aereo l’importo corrispondente al voucher; nel caso in cui il voucher vada a coprire solo parte del prezzo dovuto, il passeggero dovrà corrispondere la differenza.

Entro quanto tempo il passeggero può utilizzare il voucher?

I voucher aerei prevedono una specifica regolamentazione dei termini di utilizzo e quindi hanno una vera e propria data di scadenza entro la quale dovrà essere utilizzato, pena la decadenza dal diritto di credito.

Il consiglio, prima di accettare l’erogazione di un voucher, è quello di valutare attentamente il termine di scadenza e quindi la propria disponibilità a poterlo utilizzare entro il termine ultimo indicato.

Il voucher può essere utilizzato anche per l’acquisto di biglietti aerei intestati ad altri?

La possibilità di utilizzare, o meno, il voucher per l’acquisto di biglietti aerei intestati a diversi passeggeri è tutto rimesso alle specifiche condizioni contenute nel regolamento del voucher.

Questa facoltà di utilizzo risulterà particolarmente vantaggiosa per scongiurare il rischio di mancato utilizzo del voucher entro il termine di scadenza; ovvero, se non potrete utilizzarlo voi per mancanza di tempo o comunque per impossibilità a partire, quantomeno potrete cederlo ad un vostro amico o parente.

Il voucher include anche le tasse aeroportuali?

Solitamente i voucher vengono erogati dalle compagnie aeree indicando un importo di valore esattamente predeterminato; in alcuni casi invece le compagnie aeree erogano voucher più generici ad esempio “per l’acquisto di un biglietto aereo su tratta nazionalesenza indicarne l’esatto valore.

Anche in questi casi, consigliamo di leggere attentamente il regolamento di utilizzo del voucher al fine di accertare se il credito relativo all’acquisto di un biglietto aereo su una determinata tratta aerea comprenda, o meno, anche costi accessori quale potrebbero essere appunto le tasse aeroportuali.

Spetta al passeggero o alla compagnia aerea la scelta di corrispondere un rimborso tramite voucher o rimborso monetario?

In tutti i casi in cui la compagnia aerea è tenuta a corrispondere al passeggero una somma di danaro per disagi allo stesso arrecati nel corso del volo, la normativa dettata a tutela del passeggero consente alle compagnie aeree di adottare la modalità di rimborso tramite voucher; quello che è importante sapere è che tale scelta deve essere rimessa al libero arbitrio del passeggero e non può essere dunque imposta dalla compagnia aerea la quale quindi sarà obbligata al rimborso monetario qualora il passeggero non si dichiari disponibile ad accettare il voucher.  

E’ meglio preferire il rimborso monetario anzichè un voucher?

Al fine di contenere il danno economico derivante dalla cancellazione di un volo, dal ritardo accumulato da un aereo, o ancora dallo smarrimento del bagaglio del passeggero, le compagnie aeree sono sempre più propense a favorire il rimborso mediante voucher o buono viaggio da utilizzare in futuro per la prenotazione dei voli con la medesima compagnia aerea, in luogo del rimborso monetario.

La risposta di VacanzaRovinata.it alla domanda “E’ meglio preferire il rimborso monetario anzichè un voucher?” è certamente quella di preferire il rimborso monetario e ciò per una moltitudine di ragioni che qui vi dettagliamo:

  • il rimborso monetario consente al passeggero di non essere vincolate a tutte le limitazioni insite nella regolamentazione del voucher; il passeggero infatti una volta ottenuta, magari con bonifico bancario su proprio conto corrente, la somma spettante, potrà innanzitutto liberamente scegliere se utilizzare questa somma per qualsiasi altra esigenza o piacere della propria vita o anche per l’acquisto di un nuovo biglietto aereo; in tale secondo caso lo potrà fare libero dai vincoli del voucher (es. scadenza e/o cedibilità a terzi);
  • spesso le compagnie aeree impediscono l’utilizzo del voucher per l‘acquisto di biglietti aerei nei periodi di maggiore traffico aereo (es. periodo estivo o festività natalizie) ed il passeggero quindi, pur in possesso di un voucher, a causa di tale limitazione potrebbe vedersi in tali casi costretto a pagare di tasca propria;
  • per l’utilizzo del voucher, come sopra accennato, non è possibile prenotare tramite agenzia on line ed a volte sul sito web della compagnia aerea; ciò potrebbe comportare per il viaggiatore la perdita di una eventuale vantaggiosa offerta presente on line rispetto alla più onerosa tariffa imposta dal Call Center della compagnia aerea;
  • il voucher emesso da una compagnia aerea può essere utilizzato esclusivamente per l’acquisto di biglietti per voli operati dalla stessa compagnia ed a volte anche di compagnie partner; il rimborso monetario garantisce, anche in questo caso, una maggiore libertà di scelta per il viaggiatore di utilizzo dei propri soldi con qualsiasi altra diversa compagnia aerea che offra magari  voli economicamente più vantaggiosi.

Auspicando di aver fornito a tutti i viaggiatori interessati utili informazioni e chiarimenti circa l’utilizzo del voucher aereo e sulla opportunità di preferire sempre il rimborso monetario, VacanzaRovinata.it, tramite il proprio gruppo di professionisti altamente specializzati nel contenzioso relativo ai disagi aerei, rimane a disposizione di tutti i passeggeri che per qualsiasi ragione ritengono di aver diritto ad un rimborso o al risarcimento per inconvenienti occorsi nel corso di un volo.

Basterà compilare il modulo sottostante ed in meno di 24 ore valuteremo gratuitamente il Tuo caso e quindi la sussistenza dei presupposti risarcitori fino all’ottenimento dell’effettivo rimborso.