Converti gratuitamente il tuo voucher aereo in rimborso monetario

Contattaci

Come ottenere il rimborso del voucher da viaggio e pacchetti turistici ai tempi del Coronavirus

Data di pubblicazione: 30 Maggio 2021
Come ottenere il rimborso del voucher da viaggio e pacchetti turistici ai tempi del Coronavirus

Il tuo viaggio è stato annullato a causa dell’emergenza Coronavirus (Covid-19) e l’agenzia di viaggi o il tour operator ti ha offerto come rimborso un voucher di viaggio da utilizzare per l’acquisto di un nuovo pacchetto turistico entro il termine di scadenza indicato?

Quasi tutte le agenzie di viaggi, così come i principali tour operator quali ad esempio Alpitour, Francorosso, Eden Viaggi, Veratour e Settemari, in piena pandemia, a seguito della massiva cancellazione dei viaggi già organizzati e prenotati, al fine di arginare le rilevanti perdite economiche subite, hanno preferito erogare ai turisti voucher di viaggio invece che rimborsi in danaro.

Quindi, se ti trovi ora in mano un voucher di viaggio scaduto o non utilizzato e ti stai chiedendo se e come è possibile ottenerne il rimborso, sei nel posto giusto!

Sono davvero tante le richieste di assistenza che ci stanno pervenendo dai turisti che, come te, sono ossessionati dall’idea di perdere i soldi spesi per l’acquisto della vacanza ed intendono quindi ottenere il rimborso del voucher di viaggio scaduto o non utilizzato.

In questo articolo quindi troverai tutte le risposte alle tue domande e ti indicheremo la migliore strategia che ti consentirà di ottenere gratuitamente il rimborso del voucher di viaggio.

Perché le agenzie di viaggi ed i tour operator hanno emesso un voucher di viaggio senza rimborsarti con soldi?

A fronte dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, il Governo italiano ha adottato una serie di misure per il contenimento del contagio. Tra le misure adottate, quelle relative alle restrizioni e ai divieti relativi agli spostamenti delle persone, hanno comportato gravi impedimenti nello svolgimento delle prenotazioni dei soggiorni turistici che sono andate quindi incontro a cancellazioni.

Per conseguenza, le agenzie di viaggi ed i tour operator hanno ricevuto una rilevante mole di richieste di rimborso da parte dei clienti viaggiatori di importi da questi anticipati ma, nella stragrande maggioranza dei casi, già utilizzati dagli operatori per pagare biglietterie ed acconti ai diversi fornitori dei servizi turistici.

Il Governo italiano ha ritenuto quindi necessario, in deroga alla generale normativa dettata dal Codice del Turismo che prevede in casi eccezionali come questi il diritto al rimborso monetario in favore del turista, intervenire con regole straordinarie che contemperassero gli interessi degli imprenditori economici e dei turisti e cosi:

  • con DPCM del 8 marzo 2020 sono nati i famosi “voucher di viaggio”, con validità di un anno, da emettere in favore dei turisti impossibilitati a partire a causa della pandemia;
  • il Decreto Cura Italia (agli artt. 88 e 88-bis del D.L. 18/2020) ha poi esteso la validità dei voucher di viaggio fino a 18 mesi dalla data di rilascio;
  • in ultimo, il Decreto Rilancio (artt. 215 e 216 del D.L. 34/2020) ha dettato le regole, che sono attualmente in vigore, sul trattamento dei voucher di viaggio emessi per viaggi o soggiorni annullati stabilendo in sintesi che:
    • se il contratto di soggiorno o di pacchetto turistico riguarda il periodo compreso tra il 11.03.2020 ed il 30.09.2020 e non sia stato reso a causa degli effetti derivanti dallo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, l’agente di viaggi o il tour operator, può legittimamente emettere in favore del turista, in luogo del rimborso monetario, un voucher di viaggio di pari importo;
    • tale voucher di viaggio potrà prevedere un periodo di scadenza massimo di 18 mesi;
    • se il viaggiatore non ha utilizzato il voucher entro 18 mesi dalla data di rilascio, potrà ottenere il rimborso in danaro del relativo importo.

Quando è possibile ottenere il rimborso del voucher di viaggio scaduto o non utilizzato?

In virtù della normativa emergenziale succitata, appare quindi chiaro che il viaggiatore costretto ad accettare il voucher di viaggio per il proprio viaggio annullato, avrà diritto ad ottenere il rimborso in danaro della somma corrispondente al suo valore qualora il voucher di viaggio sia scaduto e non sia stato utilizzato.

Immaginiamo ad esempio il caso di un viaggiatore che, quale acquirente di un pacchetto turistico acquistato da Alpitour, si sia visto, a causa della pandemia, annullare il viaggio così ricevendo dal tour operator un voucher di viaggio emesso in data 10 marzo 2020 con validità 18 mesi ed avente quindi scadenza 10 settembre 2021. In tale caso, il viaggiatore, una volta decorsa la data di scadenza, avrà pieno diritto a richiedere ad Alpitour il rimborso monetario di tale voucher che dovrà quindi essere convertito in danaro.

In tali casi quindi il turista avrà diritto a percepire:

• in caso di voucher di viaggio non utilizzato, l’integrale rimborso in danaro del valore corrispondente al voucher;
• in caso di voucher di viaggio utilizzato solo parzialmente, il rimborso in danaro del valore corrispondente alla parte di voucher non utilizzata.

Come si ottiene il rimborso del voucher da viaggio e pacchetti turistici

Nei casi suddetti, In virtù della normativa emergenziale, il viaggiatore avrebbe diritto ad ottenere il rimborso del voucher di viaggio ricevuto a seguito dell’annullamento del viaggio o del pacchetto turistico entro il termine di 14 giorni dalla richiesta che dovrà inoltrare alla agenzia di viaggi o direttamente al tour operator.

Il condizionale è d’obbligo in quanto, complice certamente il prolungarsi dello stato di emergenza che ha allungato ulteriormente lo stato di fermo del turismo globale, dall’analisi della moltitudine di richieste di assistenza pervenuteci da parte dei nostri clienti, c’è da temere che molte agenzie di viaggi e tour operator, probabilmente a causa della crisi finanziaria nella quale versano, non saranno in grado o comunque si rifiuteranno di erogare ai propri clienti i dovuti rimborsi.

Se sei tra questi viaggiatori, non perdere altro tempo, compila il form sottostante e senza sostenere alcuna spesa otterrai la nostra assistenza immediata e gratuita fino all’ottenimento del rimborso integrale del tuo voucher di viaggio.

Contattaci

Compila il form qui sotto inserendo i dati richiesti così da essere contattato in tempi rapidi da un nostro assistente legale.
  • Formato data:GG trattino MM trattino AAAA
  • Le informazioni personali che vengono richieste sono necessarie per la gestione della richiesta. Tutti i dati personali vengono trattati con la massima riservatezza. Leggi la nostra Privacy policy.
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Articoli correlati

Codice del Turismo: guida al rimborso e risarcimento dei diritti dei turisti

Codice del Turismo: guida al rimborso e risarcimento dei diritti dei turisti

Il nuovo Codice del Turismo, composto da 74 articoli, suddivisi in VII titoli, nasce per soddisfare l’esigenza di garantire un’estesa ed effettiva tutela del turista-consumatore, anche giuridica mediante il riconoscimento a chiare lettere del danno da vacanza rovinata. Il Codice del turismo, è entrato in vigore in Italia il 21 giugno 2011 con il decreto […]
Continua a leggere
Ti hanno rovinato la vacanza?